Avversari nel campo, all’andata  fu “un 2-2 da… Favola”… come mi ero permesso di intitolare… in classifica siamo entrambi avvinghiati nei bassifondi, ma tutt’e due con la certezza che abbiamo i numeri per… farcela, a rimanere nel calcio professionistico.
In questo link… tutti i numeri della loro stagione. http://www.olbiacalcio.net/pianese/

Fra qualche giorno (ancora non sappiamo quando) torneremo ad affilar i “bulloni” delle scarpette, per provare a superarci e, magari, inguaiare il… perdente.

Ma ora, e mai come adesso: SIAMO Tutti UNITI contro questo Nemico Bastardo e Invisibile che, in maniera vigliacca e subdola, colpisce senza rispetto chiunque gli capiti a tiro.
La Pianese è diventata “famosa”, nel mondo,  per questa maledizione di Virus che, speriamo per poco, le ha tolto il sorriso e la spensieratezza di una squadra splendida ed unica nel suo genere

Piancastagnaio,  dove nasce e vive la Pianese, è situato alle pendici del monte Amiata, è un paese delle colline senesi, con non più di 3.500 abitanti, più altri 540 divisi in una frazione (Saragiolo) ed in altre 6 piccoli agglomerati rurali; all’incirca il 7% dei residenti sono immigrati.
Solo dal 1970 la Pianese entra nei ranghi della Figc.
E lo scorso anno arriva, meritatissima la promozione in serie C.
Un miracolo dovuto soprattutto grazie alla concomitante crescita della Stosa Cucine, della famiglia Sani, una realtà imprenditoriale nata nel 1964 in una falegnameria di Piancastagnaio e diventata nel tempo una vera eccellenza nazionale.

La Pianese ha una media spettatori di 200 a partita, la più bassa di tutta la serie C, anche perché sono “obbligati” a giocare a Grosseto, distante oltre 70 chilometri, ma è l’anima pulsante di Piancastagnaio e della sua storia tutta “giocata” alle pendici del monte Amiata.
La loro meravigliosa favola della prima stagione in serie C, è stata interrotta da questo Covid-19, il corona Virus, che ha colpito 4 membri della squadra costringendola a una quarantena forzata che, comunque, avrà ripercussioni anche sul calendario e le decisioni che la Lega dovrà prendere, a giorni per rivedere il Calendario.

La Pianese ha, tra le sue fila, un nostro grande amico, Luca Simeoni (nella foto con la nostra maglia), un giocatore che è stato con noi nel primo anno della nostra Serie D (2013-14) quello con Giorico, l’anno dei 23 gol di Pozzebon, i 9 di Aloia e gli 8 di Molino… lasciando una traccia indelebile della sua tecnica, della sua forza e del suo grande carisma e della sua stupenda umanità.
A lui, a tutti i suoi compagni, alla società Pianese ed alla intera comunità Amiatina, Olbia sportiva augura tutto il bene che meritano e un caloroso arrivederci nel rettangolo di gioco per confrontarci, in piena salute, col sorriso sulle labbra, ma anche la grinta sportiva necessaria per vincere la prossima partita di…. Calcio.
Un abbraccio, da “olbiacalcio.net”